Skip to main content
Tempo di lettura: 13 minuti

La produttività e l’equilibrio tra lavoro e vita privata sono le priorità numero uno nel mondo del lavoro in questo momento

Perchè aumentare la produttività sul posto di lavoro?

La produttività delle organizzazioni è sempre stata un punto focale per i leader aziendali e delle risorse umane. In definitiva, quando un’organizzazione migliora la produttività del proprio personale, i risultati portano gli individui a lavorare di più, meglio, in modo più intelligente e più veloce.

Ma perché c’è così tanta preoccupazione e attenzione alla produttività? La risposta sta nell’economia e nella definizione di cosa sia effettivamente la produttività. Il risultato è che la risposta è dovuta al fatto che la produttività misura l’output ovunque si trovi l’input. Che in termini di forza lavoro, è il lavoro e la produzione delle persone impiegate dalla tua organizzazione. 

Il quadro generale sulla produttività della forza lavoro è che in definitiva è la base del calcolo dell’economia nel suo insieme. Ciò significa che per le aziende e i leader delle risorse umane, l’obiettivo finale è come supportare la forza lavoro all’interno delle organizzazioni per diventare più produttiva. 

Qui, esploreremo alcune delle sfide alla produttività e cinque modi principali per apportare miglioramenti a questo sul posto di lavoro.

Il divario di produttività

La sfida attuale che il Regno Unito deve affrontare è che non solo ha un divario di produttività rispetto alle sue controparti globali ed europee, ma anche il tasso di produttività del Regno Unito è ai  minimi dal 2007 . Con i lavoratori nel Regno Unito che producono meno all’ora rispetto a quelli di Francia, Germania e Stati Uniti. Di conseguenza, ci sono state una serie di iniziative da parte del governo per comprendere, stimolare ed elevare la produttività a livelli che non solo si confrontano favorevolmente con altre nazioni, ma che migliorano anche i livelli di produttività complessiva del Regno Unito. 

Con questo in mente, come può essere migliorata la produttività della forza lavoro? 

Vale la pena ricordare che i dipendenti cercano disperatamente un supporto per l’equilibrio tra lavoro e vita privata, il benessere emotivo e fisico. Forse lo è di più durante la pandemia di Coronavirus in corso, in cui le persone lavorano da casa e i confini tra lavoro e casa sono diventati sempre più labili. 

La produttività non è tutto, ma alla lunga è quasi tutto

Ciò significa che mentre la produttività è un’importante area di interesse, è essenziale anche bilanciare questa attenzione con le esigenze delle persone.

Per le Risorse Umane questo significa coltivare una cultura e un ambiente in sintonia con i bisogni espressi dalla forza lavoro, fornendo anche informazioni utili che possono essere incorporate all’interno dei team, ma anche nei modi di lavorare dei singoli.

Miglioramento della produttività n. 1: promuovere l’importanza del sonno

La privazione del sonno può avere effetti estremamente negativi sulle prestazioni delle persone, che a loro volta hanno un impatto più ampio sulla forza lavoro e sulla produttività. Ma l’effetto che la mancanza di sonno può avere sulla concentrazione, sul ragionamento logico e sulla memoria di lavoro può essere problematico quando si tratta di efficacia e benessere complessivi. 

Con la corteccia prefrontale del cervello, particolarmente vulnerabile alla mancanza di sonno, i compiti che richiedono queste capacità cognitive e il pensiero complesso sono i più compromessi quando il sonno manca. 

Per i team delle risorse umane, il benessere dei dipendenti e la mancanza di un buon sonno possono non solo portare a una diminuzione della produttività, ma anche ad un aumento delle assenze per malattia, che è ugualmente dannoso per gli sforzi di produttività. 

Considera di fare un pisolino durante il giorno

Eppure, forse un fattore sconosciuto del sonno e quanto sia vitale per la produttività dei dipendenti è che basta una notte di privazione del sonno per creare grandi deficit nella capacità delle persone di svolgere. 
Pertanto ha senso che le risorse umane si concentrino davvero sulla comunicazione di questo aspetto della salute e del benessere come parte di tutti i programmi di produttività. 
Per gli adulti sono consigliate da sette a nove ore di sonno a notte, il che può essere difficile da gestire per le organizzazioni in cui sono coinvolti schemi di turni. 
Tuttavia, concentrarsi sul portare a casa il messaggio sull’importanza del sonno può aggiungere vantaggi significativi al morale sul posto di lavoro e con esso anche ai livelli di produttività.


Miglioramento della produttività n. 2: incoraggiare una buona pianificazione di attività e attività

Le liste di cose da fare sono inestimabili quando si tratta di produttività. Anche i dirigenti più anziani o esperti traggono vantaggio dall’avere un piano su cui lavorare per la loro giornata. Quando siamo organizzati, con la chiarezza dei compiti e delle attività che ci aspettano, l’attenzione viene migliorata e si ottiene un grande senso di realizzazione quando le attività vengono contrassegnate come completate. 

Per le risorse umane, ciò significa che incoraggiare i team manager e i leader del personale ad abbracciare davvero i vantaggi di incoraggiare una buona pianificazione di attività e attività tra i loro team può ripagare in termini di produttività ma anche di benessere.   

La ricerca ci dice anche che il multi-tasking , che è spesso una soluzione di ripiego quando le persone hanno troppo o non hanno ricevuto il tempo o il supporto necessari per concentrarsi sulle priorità del loro carico di lavoro e delle loro attività, è in realtà inefficace. 

Il multitasking può essere adottato non solo come mezzo per portare a termine diversi compiti contemporaneamente, ma questo può portare a un senso generale di realizzazione e a sentirsi bene come alti di dopamina nel cervello. 

Tuttavia, secondo Zhen Wang , che ha condotto uno studio sul multitasking, ha scoperto nella ricerca che coloro che fanno multitasking possono sentirsi produttivi, ma nonostante si sentano più emotivamente soddisfatti dal loro lavoro, la loro produttività è in realtà ridotta.

Eppure la soddisfazione emotiva è una cosa e la produttività un’altra. Il problema con il multitasking è che, sebbene possa sembrare efficiente e organizzato dall’esterno. Un dipendente che sembra destreggiarsi tra progetti, chiamate, e-mail e l’ultima iniziativa del team può facilmente avere il fattore wow. Ma quanto viene effettivamente fatto in tempo, o senza andare a scapito della salute mentale e del benessere della persona, è una considerazione importante. 

Gli approfondimenti della ricerca sul multitasking hanno scoperto che divide il cervello. Ciò significa che il cervello sta effettivamente passando freneticamente da un’attività all’altra, saltando e allo stesso tempo rendendo il multitasker meno efficace nel filtrare le informazioni vitali, meno in un flusso di lavoro e in definitiva meno produttivo. 

Pertanto è fondamentale che le risorse umane, insieme ai team di gestione, lavorino a stretto contatto con le persone per comunicare e stabilire le migliori pratiche relative alla pianificazione delle attività e delle attività.

Suggerimenti principali per la pianificazione di attività e attività

  1. Preparare un elenco di attività e attività prioritarie la sera prima aiuta a focalizzare la mente su ciò che è prioritario ed elimina la corsa mattutina per ottenere il massimo da ciò che deve essere completato quel giorno 
  2. Riduci gli elenchi delle attività da svolgere, in modo che si concentrino sulle attività più importanti dell’elenco 
  3. Valuta quanti compiti importanti possono essere realisticamente realizzati o fai progressi concreti prima del giorno successivo  
  4. Sii aperto a parlare delle liste con un manager o un collega se le liste sono sempre più opprimenti o impraticabili ogni giorno o settimana

Miglioramento della produttività n. 3: ridurre le distrazioni sul posto di lavoro

Per essere produttivi, è fondamentale ridurre efficacemente il rumore esterno. E dal rumore, non è necessariamente il rumore esterno di una strada trafficata che potrebbe trovarsi fuori dal tuo posto di lavoro o dalla finestra dell’ufficio a casa che conta. O il suono dei tuoi colleghi la cui discussione sui loro ultimi programmi per il fine settimana sta distraendo la tua concentrazione da quell’importante proposta che potrebbe essere eccezionale, sebbene anche trovare un modo per aggirare queste distrazioni possa rivelarsi prezioso.   

La riduzione del rumore si estende a quella del costante ribollire di distrazioni che possono far deragliare anche gli individui più concentrati. È dimostrato che le notifiche di messaggistica istantanea, Slack, i team Microsoft, i social media e le notifiche e-mail riducono i livelli di produttività. 

Quindi si tratta davvero di risorse umane che lavorano per incoraggiare una buona igiene della distrazione e una cultura che abbraccia, incoraggia e premia il non rispondere alle cose immediatamente. 

Troppe organizzazioni, in particolare in questa era di lavoro da remoto, sono cadute nella trappola di aspettarsi che le persone siano sempre disponibili e accessibili al semplice tocco di una richiesta di chat o di un’e-mail. Il che a sua volta può portare al presenzialismo della disponibilità, presentando somiglianze con il presenzialismo in cui gli individui non stanno bene, ma sono ancora effettivamente al lavoro. 

Data l’attuale prevalenza di condizioni di salute mentale comuni come ansia e depressione nel Regno Unito, è chiaro il potenziale impatto che il presenzialismo può avere sulla produttività

Il presenzialismo della disponibilità è quello in cui i lavoratori si sentono come se dovessero presentarsi come disponibili in ogni momento solo per rispondere a quella domanda, o semplicemente per rispondere a quell’ultima richiesta, quando in realtà stanno lavorando su qualcosa che richiede attenzione e concentrazione. 

Il seguito dall’essere organizzato con il tuo piano di attività e la lista delle cose da fare, è sapere anche cosa tagliare e ignorare. 

Pertanto, incoraggiare i manager e i loro team a gestire la posta elettronica  per aumentare la loro produttività, disattivare il telefono e le notifiche sui social, nonché disattivare anche le chat di messaggistica istantanea, porterà a una riduzione delle distrazioni sul posto di lavoro che a loro volta pagheranno dividendi in guadagni di produttività.

PRODUTTIVITÀ

5 modi per aumentare la produttività sul posto di lavoro

La produttività e l’equilibrio tra lavoro e vita privata sono le priorità numero uno nel mondo del lavoro in questo momento

La produttività delle organizzazioni è sempre stata un punto focale per i leader aziendali e delle risorse umane. In definitiva, quando un’organizzazione migliora la produttività del proprio personale, i risultati portano gli individui a lavorare di più, meglio, in modo più intelligente e più veloce.

Ma perché c’è così tanta preoccupazione e attenzione alla produttività? La risposta sta nell’economia e nella definizione di cosa sia effettivamente la produttività. Il risultato è che la risposta è dovuta al fatto che la produttività misura l’output ovunque si trovi l’input. Che in termini di forza lavoro, è il lavoro e la produzione delle persone impiegate dalla tua organizzazione. 

Il quadro generale sulla produttività della forza lavoro è che in definitiva è la base del calcolo dell’economia nel suo insieme. Ciò significa che per le aziende e i leader delle risorse umane, l’obiettivo finale è come supportare la forza lavoro all’interno delle organizzazioni per diventare più produttiva. 

Qui, esploreremo alcune delle sfide alla produttività e cinque modi principali per apportare miglioramenti a questo sul posto di lavoro.

Il divario di produttività

La sfida attuale che il Regno Unito deve affrontare è che non solo ha un divario di produttività rispetto alle sue controparti globali ed europee, ma anche il tasso di produttività del Regno Unito è ai  minimi dal 2007 . Con i lavoratori nel Regno Unito che producono meno all’ora rispetto a quelli di Francia, Germania e Stati Uniti. Di conseguenza, ci sono state una serie di iniziative da parte del governo per comprendere, stimolare ed elevare la produttività a livelli che non solo si confrontano favorevolmente con altre nazioni, ma che migliorano anche i livelli di produttività complessiva del Regno Unito. 

Con questo in mente, come può essere migliorata la produttività della forza lavoro? 

Vale la pena ricordare che i dipendenti cercano disperatamente un supporto per l’equilibrio tra lavoro e vita privata, il benessere emotivo e fisico. Forse lo è di più durante la pandemia di Coronavirus in corso, in cui le persone lavorano da casa e i confini tra lavoro e casa sono diventati sempre più labili. 

La produttività non è tutto, ma alla lunga è quasi tutto

Ciò significa che mentre la produttività è un’importante area di interesse, è essenziale anche bilanciare questa attenzione con le esigenze delle persone.

Per le Risorse Umane questo significa coltivare una cultura e un ambiente in sintonia con i bisogni espressi dalla forza lavoro, fornendo anche informazioni utili che possono essere incorporate all’interno dei team, ma anche nei modi di lavorare dei singoli.

Miglioramento della produttività n. 1: promuovere l’importanza del sonno

La privazione del sonno può avere effetti estremamente negativi sulle prestazioni delle persone, che a loro volta hanno un impatto più ampio sulla forza lavoro e sulla produttività. Ma l’effetto che la mancanza di sonno può avere sulla concentrazione, sul ragionamento logico e sulla memoria di lavoro può essere problematico quando si tratta di efficacia e benessere complessivi. 

Con la corteccia prefrontale del cervello, particolarmente vulnerabile alla mancanza di sonno, i compiti che richiedono queste capacità cognitive e il pensiero complesso sono i più compromessi quando il sonno manca. 

Per i team delle risorse umane, il benessere dei dipendenti e la mancanza di un buon sonno possono non solo portare a una diminuzione della produttività, ma anche ad un aumento delle assenze per malattia, che è ugualmente dannoso per gli sforzi di produttività. 

Considera di fare un pisolino durante il giorno

Eppure, forse un fattore sconosciuto del sonno e quanto sia vitale per la produttività dei dipendenti è che basta una notte di privazione del sonno per creare grandi deficit nella capacità delle persone di svolgere. Pertanto ha senso che le risorse umane si concentrino davvero sulla comunicazione di questo aspetto della salute e del benessere come parte di tutti i programmi di produttività. 

Per gli adulti sono consigliate da sette a nove ore di sonno a notte, il che può essere difficile da gestire per le organizzazioni in cui sono coinvolti schemi di turni. Tuttavia, concentrarsi sul portare a casa il messaggio sull’importanza del sonno può aggiungere vantaggi significativi al morale sul posto di lavoro e con esso anche ai livelli di produttività.

Miglioramento della produttività n. 2: incoraggiare una buona pianificazione di attività e attività

aumentare-la-produttività
Cosa succede nel nostro cervello quando facciamo multitasking? | Fonte: Lifehacker

Le liste di cose da fare sono inestimabili quando si tratta di produttività. Anche i dirigenti più anziani o esperti traggono vantaggio dall’avere un piano su cui lavorare per la loro giornata. Quando siamo organizzati, con la chiarezza dei compiti e delle attività che ci aspettano, l’attenzione viene migliorata e si ottiene un grande senso di realizzazione quando le attività vengono contrassegnate come completate. 

Per le risorse umane, ciò significa che incoraggiare i team manager e i leader del personale ad abbracciare davvero i vantaggi di incoraggiare una buona pianificazione di attività e attività tra i loro team può ripagare in termini di produttività ma anche di benessere.   

La ricerca ci dice anche che il multi-tasking , che è spesso una soluzione di ripiego quando le persone hanno troppo o non hanno ricevuto il tempo o il supporto necessari per concentrarsi sulle priorità del loro carico di lavoro e delle loro attività, è in realtà inefficace. 

Il multitasking può essere adottato non solo come mezzo per portare a termine diversi compiti contemporaneamente, ma questo può portare a un senso generale di realizzazione e a sentirsi bene come alti di dopamina nel cervello. 

Tuttavia, secondo Zhen Wang , che ha condotto uno studio sul multitasking, ha scoperto nella ricerca che coloro che fanno multitasking possono sentirsi produttivi, ma nonostante si sentano più emotivamente soddisfatti dal loro lavoro, la loro produttività è in realtà ridotta.

Eppure la soddisfazione emotiva è una cosa e la produttività un’altra. Il problema con il multitasking è che, sebbene possa sembrare efficiente e organizzato dall’esterno. Un dipendente che sembra destreggiarsi tra progetti, chiamate, e-mail e l’ultima iniziativa del team può facilmente avere il fattore wow. Ma quanto viene effettivamente fatto in tempo, o senza andare a scapito della salute mentale e del benessere della persona, è una considerazione importante. 

Gli approfondimenti della ricerca sul multitasking hanno scoperto che divide il cervello. Ciò significa che il cervello sta effettivamente passando freneticamente da un’attività all’altra, saltando e allo stesso tempo rendendo il multitasker meno efficace nel filtrare le informazioni vitali, meno in un flusso di lavoro e in definitiva meno produttivo. 

Pertanto è fondamentale che le risorse umane, insieme ai team di gestione, lavorino a stretto contatto con le persone per comunicare e stabilire le migliori pratiche relative alla pianificazione delle attività e delle attività.

Suggerimenti principali per la pianificazione di attività e attività

  1. Preparare un elenco di attività e attività prioritarie la sera prima aiuta a focalizzare la mente su ciò che è prioritario ed elimina la corsa mattutina per ottenere il massimo da ciò che deve essere completato quel giorno 
  2. Riduci gli elenchi delle attività da svolgere, in modo che si concentrino sulle attività più importanti dell’elenco 
  3. Valuta quanti compiti importanti possono essere realisticamente realizzati o fai progressi concreti prima del giorno successivo  
  4. Sii aperto a parlare delle liste con un manager o un collega se le liste sono sempre più opprimenti o impraticabili ogni giorno o settimana

Miglioramento della produttività n. 3: ridurre le distrazioni sul posto di lavoro

Per essere produttivi, è fondamentale ridurre efficacemente il rumore esterno. E dal rumore, non è necessariamente il rumore esterno di una strada trafficata che potrebbe trovarsi fuori dal tuo posto di lavoro o dalla finestra dell’ufficio a casa che conta. O il suono dei tuoi colleghi la cui discussione sui loro ultimi programmi per il fine settimana sta distraendo la tua concentrazione da quell’importante proposta che potrebbe essere eccezionale, sebbene anche trovare un modo per aggirare queste distrazioni possa rivelarsi prezioso.   

La riduzione del rumore si estende a quella del costante ribollire di distrazioni che possono far deragliare anche gli individui più concentrati. È dimostrato che le notifiche di messaggistica istantanea, Slack, i team Microsoft, i social media e le notifiche e-mail riducono i livelli di produttività. 

Quindi si tratta davvero di risorse umane che lavorano per incoraggiare una buona igiene della distrazione e una cultura che abbraccia, incoraggia e premia il non rispondere alle cose immediatamente. 

Troppe organizzazioni, in particolare in questa era di lavoro da remoto, sono cadute nella trappola di aspettarsi che le persone siano sempre disponibili e accessibili al semplice tocco di una richiesta di chat o di un’e-mail. Il che a sua volta può portare al presenzialismo della disponibilità, presentando somiglianze con il presenzialismo in cui gli individui non stanno bene, ma sono ancora effettivamente al lavoro. 

Data l’attuale prevalenza di condizioni di salute mentale comuni come ansia e depressione nel Regno Unito, è chiaro il potenziale impatto che il presenzialismo può avere sulla produttività

Il presenzialismo della disponibilità è quello in cui i lavoratori si sentono come se dovessero presentarsi come disponibili in ogni momento solo per rispondere a quella domanda, o semplicemente per rispondere a quell’ultima richiesta, quando in realtà stanno lavorando su qualcosa che richiede attenzione e concentrazione. 

Il seguito dall’essere organizzato con il tuo piano di attività e la lista delle cose da fare, è sapere anche cosa tagliare e ignorare. 

Pertanto, incoraggiare i manager e i loro team a gestire la posta elettronica  per aumentare la loro produttività, disattivare il telefono e le notifiche sui social, nonché disattivare anche le chat di messaggistica istantanea, porterà a una riduzione delle distrazioni sul posto di lavoro che a loro volta pagheranno dividendi in guadagni di produttività.

Miglioramento della produttività n. 4: Esercizio da campione durante la giornata lavorativa

Mentre molti luoghi di lavoro potrebbero attualmente operare su base remota o ibrida in questo momento. Insieme a palestre, centri fitness e corsi di ginnastica sono stati chiusi a causa delle restrizioni COVID-19. I benefici che si possono ottenere dall’attività fisica, migliorando le funzioni cerebrali, rimangono gli stessi di sempre. 

La ricerca sull’esercizio fisico ha indicato che, se assunto durante la giornata lavorativa , si verifica un’interazione con le prestazioni sul posto di lavoro. Il solo miglioramento dell’attività cerebrale può portare a miglioramenti nella concentrazione, nella creatività, nell’apprendimento più veloce, ma anche nella capacità di connettersi e andare d’accordo con gli altri. 

Queste funzioni cerebrali potenziate, combinate con gli effetti di benessere a cui l’esercizio fisico può portare, si traducono in un aumento della produttività, ma anche in un’atmosfera di lavoro più armoniosa e collaborativa, secondo uno studio dell’Università di Leeds sull’esercizio svolto durante la giornata lavorativa. Lo studio ha rilevato che il 65% dei lavoratori che usavano la palestra sul posto di lavoro a pranzo, si comportava molto meglio nel pomeriggio e aveva una migliore concentrazione e una maggiore interazione con i colleghi. 

Per le risorse umane ha senso sostenere iniziative sul posto di lavoro che promuovono il benessere e l’esercizio indipendentemente dai lavoratori che potrebbero essere attualmente lontani dall’ambiente di lavoro. 

Stabilire pratiche di pause regolari per l’esercizio e il tempo libero lontano dalle scrivanie e dai computer di casa per costruire una sorta di attività fisica altamente benefica, aggiungerà peso agli sforzi di produttività, oltre a migliorare il benessere sul posto di lavoro.

Miglioramento della produttività n. 5: incoraggiare una cultura del prendersi cura di sé

Sebbene non sia compito delle Risorse Umane gestire in modo microscopico il modo in cui dipendenti e forza lavoro si prendono cura di se stessi, le risorse umane hanno il dovere di aiutare le persone a fare le cose giuste sul posto di lavoro, ma anche nei loro stili di vita che aiuteranno il benessere. 

Incoraggiando una cultura del prendersi cura di sé, che valorizzi veramente i vantaggi di avere una forza lavoro sana, emotivamente stabile e fiorente, la produttività diventa un sottoprodotto naturale di quella cultura ambientale sana.

Divertirsi al lavoro, fare pause regolari, prestare attenzione a quando l’esaurimento o l’esaurimento si insinua sono tutti pilastri di valore vitale da stabilire nell’ambiente di lavoro. Ma i pilastri aggiuntivi, come quelli menzionati, tra cui dormire a sufficienza, fare esercizio fisico e concentrarsi sulle priorità sono tutti fattori essenziali per prendersi cura di sé. 

Le risorse umane hanno il potere di aiutare a promuovere il benessere sul lavoro, promuovendo questo aiuta a prevenire lo stress sul posto di lavoro, creando al contempo un ambiente di lavoro positivo in cui gli individui e l’organizzazione in generale possono prosperare. 

La ricerca del CIPD evidenzia che, incoraggiando una cultura del prendersi cura di sé, si ottengono luoghi di lavoro sani, che supportano le persone a prosperare nel proprio lavoro e a raggiungere il proprio potenziale. Pertanto, creando un ambiente attivo nella promozione del benessere, della cura di sé, dell’appagamento e della felicità generale, si ottengono benefici sia per la produttività dei dipendenti sia per quella dell’organizzazione nel suo insieme. 

Riunire tutto insieme

La produttività sul posto di lavoro non si raggiunge senza prendere provvedimenti per valutare e considerare cosa si può fare meglio? Cosa si può migliorare? Cosa si può rimuovere? È l’effettiva considerazione di stop, start, continue che può portare a modi di lavorare notevolmente migliorati e con esso un aumento della produttività. E sebbene i suggerimenti di cui sopra non siano tutti onnicomprensivi, offrono un ottimo punto di partenza sul percorso per migliorare il senso di benessere e con esso una maggiore produttività, efficienza e rendimento sul posto di lavoro.