Skip to main content
Tempo di lettura: 8 minuti

Mentre le aziende si preparano per le montagne russe delle festività che segnano la fine dell’anno (Halloween, Ringraziamento e Black Friday, Natale e Capodanno), è importante delineare e spiegare alcune delle tendenze di marketing che si riveleranno utili.

Tra tutte le tendenze di marketing, però, spicca un fattore, che è la relatività. I marchi nel 2021 non stanno solo cercando di creare prodotti fantastici, anche se dovrebbe essere un dato di fatto. Invece, stanno cercando di costruire connessioni autentiche con i clienti.

Mentre il mondo si riprende lentamente e gradualmente dal COVID-19, gli esperti di marketing hanno appreso che i clienti sono più in sintonia con i marchi che si riferiscono alle loro situazioni e ai loro desideri. Alcuni marchi hanno già iniziato quest’anno in vantaggio approfittando di queste tendenze .

Tuttavia, se non hai già integrato nessuna di queste tendenze di marketing nella tua strategia, non sei in ritardo. Puoi concedere un’indennità per uno di questi entro i prossimi sei mesi e raccogliere buoni frutti.

Queste tendenze di marketingnon sono solo mode del 2021, ma strategie e tattiche che dureranno per i prossimi anni.

1. Audio sociale

Se hai bisogno di una prova che la storia si ripeta, non guardare oltre l’audio social di Internet.

Le persone degli anni ’90 e dei primi anni 2000 ricordano con affetto le chat room su Internet. Al culmine della rivoluzione delle chat room, le persone trascorrevano milioni di ore a chattare in diverse migliaia di stanze su Internet.

Tuttavia, entro i cinque anni dal 2010 al 2014 , i principali social network AOL Instant Messenger, Yahoo Messenger e MSN Messenger hanno interrotto il supporto per le chat room vocali.

Avanti veloce fino al 2020 e l’audio social ha fatto un ritorno rivoluzionario con l’innovativa app Clubhouse. È interessante notare che, anche se Clubhouse è ancora in versione beta, ha già oltre 10 milioni di utenti .

Ora, anche i social network già affermati non sono esclusi dal gioco per catturare il loro pubblico tramite conversazioni dal vivo e chat room. Sulla scia della crescita di Clubhouse, Twitter ha lanciato la sua funzione di social audio chiamata Spaces e Telegram ha introdotto le chat vocali 2.0. Più di recente, Spotify ha lanciato Greenroom, mentre Facebook Live Audio Rooms ha appena iniziato a essere implementato.

Nonostante la battuta d’arresto che le chat room hanno subito nel decennio del 2010, il recente ritorno dell’audio sociale ripristina l’importanza delle associazioni umane intime che mezzi come l’audio forniscono in un modo che il testo non fa.

Ci sono ovvie sfide con il marketing attraverso un mezzo in cui le azioni sono così transitorie. Tuttavia, le sale audio aprono opportunità di marketing per i marchi tramite eventi della comunità e sponsorizzazioni. Tuttavia, resta da vedere quali altre sorprese l’audio social ha in serbo per i professionisti del marketing.

2. Marketing automatizzato

Negli ultimi anni, i team di marketing hanno ampliato i loro budget per l’automazione del marketing mentre cercano di integrare nuove tecnologie per ridimensionare i loro sforzi.

Fino a quando le tecnologie di automazione del marketing non sono diventate mainstream, i professionisti del marketing hanno cercato di trovare un mezzo coeso per integrare perfettamente il marketing con le vendite.

Il principale caso d’uso dell’automazione del marketing è stato la generazione di lead. Alla fine, questo si estende agli aspetti successivi del nutrimento dei lead e del coinvolgimento dei clienti, aumentando in ultima analisi i ricavi delle vendite.

I professionisti del marketing e delle tendenze di marketing hanno già familiarità con l’automazione dei social media e l’automazione dell’email marketing e questa è sempre stata una delle tendenze di marketing.

Tuttavia, un aspetto dell’automazione che ha ottenuto un enorme impulso nell’ultimo anno è l’automazione basata sui dati; questo copre l’uso di intelligenza artificiale, apprendimento automatico e strumenti di analisi dei dati per estrarre informazioni sul proprio pubblico per migliorare la strategia e le tattiche di marketing.

I migliori prodotti di automazione del marketing sul mercato sono incentrati sui dati. Alla fine dell’anno, le informazioni sui dati si dimostrerebbero molto importanti nell’acquisizione di lead e in tattiche più specifiche come il cross-selling e l’upselling.

tendenze di marketing
tendenze di marketing

3. Contenuti video e streaming live

Le restrizioni di blocco lo scorso anno hanno portato a un aumento delle attività dal vivo, in particolare dei live streaming video. I video in diretta sono tra i tipi di contenuti più coinvolgenti poiché il pubblico è presente e la connessione avviene in tempo reale.

Inoltre, le persone percepiscono i video dal vivo come più autentici e realistici perché fanno parte di un flusso d’azione in tempo reale; pertanto, una strategia di contenuti live si riflette positivamente su qualsiasi marchio.

Già, secondo un sondaggio , il 48% dei marketer si è impegnato ad aumentare i propri budget di marketing per i video nel 2022.

Una delle caratteristiche chiave dell’ascesa del live streaming sono i marchi come intrattenitori in quanto riconquistano una parte significativa del loro pubblico che in precedenza si affidava alla televisione ma ora è più online.

4. Influencer marketing

L’influencer marketing è andato forte per un paio d’anni, soprattutto con la proliferazione di micro-influencer sulle piattaforme di social media. Nel 2021, si prevede che l’industria crescerà fino a circa 13,8 miliardi di dollari e rimarrà fermamente sulla buona strada per superarla.

Per molte aziende, il 2021 è il primo anno in cui hanno avuto un budget dedicato all’influencer marketing, che indica l’evoluzione di questa forma di marketing, distaccata ma ancora saldamente integrata con i social media e il content marketing.

TikTok e Instagram Reels stanno emergendo come i modi più comuni per gli influencer di connettersi con il loro pubblico tramite video brevi, facilmente digeribili e coinvolgenti.

Molti di questi video di influencer combinano intrattenimento e istruzione per mantenere l’entusiasmo del loro pubblico rendendo preziose queste interazione tanto da rendere questa attività una una tendenza di marketing

Poiché sempre più persone richiedono autenticità per i marchi, i micro-influencer continuerebbero a essere un enorme pilastro nel settore del marketing degli influencer. Alcune di queste partnership vengono talvolta riproposte dai marchi per annunci e contenuti di marketing su altre piattaforme.

5. Micro-momenti

L’idea di micro-momenti e macro-momenti ha trasformato il modo in cui i marketer affrontano il percorso del cliente negli ultimi due anni.

Con numerosi progressi tecnologici simultanei sulla scia dell’ascesa di Internet, le persone di questa età sono molto più esposte ora di quelle che esistevano nei decenni precedenti. Il marketing è sempre stato quello di cogliere i momenti critici per attirare l’attenzione delle persone.

Ciò è diventato molto più importante ora che ci sono numerosi canali e piattaforme in cui le persone possono trovare intrattenimento, istruzione e così via.

Invece di allargare la rete e sperare di ottenere in qualche modo i risultati desiderati, i professionisti del marketing ora si concentrano su momenti decisionali guidati dall’intento per catturare l’attenzione degli individui.

Questi sono micro-momenti , come quando qualcuno cerca come firmare un PDF mentre legge un contratto. D’altra parte, i macro-momenti sono momenti in cui una persona ha tempo da ammazzare ma non è intenzionata a svolgere un compito.

Il marketing del micromomento è guidato dalla tempistica e dalla pertinenza e, quindi, è più importante per i professionisti del marketing in questa età e, più specificamente, mentre ci avviciniamo alle vacanze di fine anno.

Nel resto del 2020 e oltre, il marketing sarà sempre più focalizzato sull’identificazione di momenti cruciali di voglia di sapere, voglia di andare, voglia di fare, voglia di acquistare e fornire proprio ciò che le persone vogliono.

6. Differenziazione del marchio

Questa è un’età in cui i clienti hanno l’imbarazzo della scelta. In questo tipo di situazione, ciò che informa maggiormente le decisioni dei clienti è la loro percezione del marchio aziendale. Ecco perché le aziende più intelligenti si differenziano con il branding per connettersi meglio con i propri clienti.

C’è già la consapevolezza che i prodotti non sono solo prodotti; rappresentano esperienze. Pertanto, gli sforzi di branding di maggior successo sono quelli che comunicano le esperienze autentiche legate al prodotto.

Ma un buon branding significa anche adattarsi alle mutevoli esigenze ed esperienze dei consumatori. Al giorno d’oggi, i marchi non sono noti solo per prodotti, soluzioni ed esperienze, ma anche per personalità, valori sociali e autenticità.

Oggi, un marchio ha bisogno di costruire un’identità attorno alla fiducia, alla trasparenza e alla credibilità per essere accettato, soprattutto dalle generazioni più giovani, dai Millennial e dalla Generazione Z.

7. Marketing conversazionale

Un’elevata enfasi sulla riconoscibilità del marchio negli ultimi anni ha stimolato la crescita del marketing conversazionale.

La comprensione è che, indipendentemente dalle tattiche utilizzate dalle aziende per essere più riconoscibili, come contenuti interattivi, strategia sui social media o narrazione, niente batte la comunicazione diretta con i clienti.

La maggior parte dei canali di marketing tradizionali sono stati a senso unico, consentendo ai marchi di connettersi con il proprio pubblico ma non viceversa.

Ora le aziende stanno aprendo nuovi canali per consentire ai propri clienti di comunicare con loro. Intendiamoci, questo va oltre la solita gestione dei reclami del servizio clienti e quant’altro.

Il marketing conversazionale mira a un’interazione significativa con il cliente tramite dialoghi mirati. La chiave per un marketing conversazionale di successo è centrare il cliente, i suoi bisogni, desideri e desideri, piuttosto che l’attività o il prodotto.

I marketer non dovrebbero avere fretta di acquisire informazioni sui lead, per non rischiare che il 50% – 90% abbandoni prematuramente la conversazione.

Naturalmente, molto si è evoluto nel marketing conversazionale con l’emergere di COVID-19, che ha praticamente costretto molti marchi a migliorare i loro giochi in telefonate, SMS, messaggistica sociale e chatbot per coinvolgere i clienti.

8. Commercio mobile e marketing mobile

Con 6 mesi rimanenti fino al nuovo anno, è importante notare la previsione che il commercio mobile crescerà di un enorme 68% nel 2022 .

Pertanto, è più che evidente che le aziende con una solida strategia di marketing mobile in vista del prossimo anno sono ben posizionate per trarre vantaggio dalla crescita del commercio mobile.

Questa crescita è uno dei tanti modi in cui la pandemia ha rafforzato alcuni progressi tecnologici.

La sfida con il marketing mobile è che è onnicomprensivo, attraversando vari formati di marketing, dai social media alle e-mail, ai video e alla pubblicità a pagamento. Tuttavia, i professionisti del marketing possono applicare strategie innovative come notifiche push e SEO mobile.

Ad esempio, nel caso delle notifiche push, il 40% degli utenti interagisce con esse entro un’ora dalla ricezione. E le notifiche push hanno un tasso di apertura del 90% anche se il consenso è che sono fastidiose.

Puoi far risaltare il tuo marchio con notifiche push pertinenti e dirette che attirano l’attenzione.

9. Marketing (basato sulla comunità)

Tuttavia, per quanto riguarda il marketing relazionale, è diventato più importante che mai avere comunità forti. Il marketing del passaparola è la forma di marketing più antica e, francamente, ancora la più potente.

Costruendo comunità forti per far circolare la voce sui tuoi prodotti e servizi, stai attingendo a un’idea secolare secondo cui le relazioni basate su connessioni condivise sono le più forti.

Alcuni esperti di marketing evitano di impegnarsi nel marketing della comunità perché è una tattica che non è più incentrata sulle relazioni che sull’acquisizione.

Tuttavia, il vero vantaggio delle community è che i clienti fedeli diventano ambasciatori. Potresti non essere in grado di monitorare quantitativamente i guadagni, ma i guadagni sono comunque presenti.

Le comunità digitali soddisfano diverse esigenze e il marketing della comunità è quello che costringe veramente i professionisti del marketing a investire nelle persone, piuttosto che nei canali.

10. Contenuti generati dagli utenti

Un’altra strategia in crescita per creare connessioni autentiche con il tuo pubblico è incoraggiare i contenuti generati dagli utenti. Questo è spesso un precursore o un prodotto di comunità forti. Quindi, questo punto è fortemente connesso alla sezione precedente.

Per uno, i contenuti generati dagli utenti influenzano le decisioni di acquisto del 90% degli acquirenti . Gran parte di questo è dovuto all’autenticità che UGC fornisce “umanizzando” il marchio.

Per una volta, gli individui possono vedere un marchio e i suoi prodotti dall’obiettivo di altri esseri umani. Se questa percezione è positiva, porta nuovi clienti.

Questa forma di riprova sociale si è dimostrata molto efficace. Per trarre vantaggio da UGC come marchio, dovresti coinvolgere e amplificare i contenuti condivisi dagli utenti per incoraggiare altre persone a essere coinvolte.

Ad esempio, quando pianifichi le tue vendite scontate di fine anno, includere un concorso per promuovere una narrativa avvincente aiuterà a promuovere ampiamente il tuo marchio.

Inoltre, ricorda che il tuo ruolo nella strategia UGC è pianificare; lascia che i clienti raccontino le loro storie e guidi la campagna. Ovviamente, devi guardare i modelli della campagna per ottenere informazioni su come migliorare gli aspetti del tuo marchio.

Conclusione dell’analisi sulle tendenze di marketing per il 2022

In sostanza, il cambiamento e l’adattamento fanno parte della vita, tuttavia quella dei marketer, uno dei cui doveri non celebrati è osservare le tendenze dei comportamenti di mercato, le abitudini dei clienti e l’adozione tecnologica, e quindi integrare le intuizioni di queste tendenze di marketing per perfezionare la loro strategia per un maggiore successo .

A questo punto, i professionisti del marketing dovrebbero essersi lasciati alle spalle il caos del 2020 e ora attendono con impazienza l’opportunità di aumentare i propri sforzi entro il resto dell’anno e oltre.

Si spera che queste tendenze spingano i marketer, i marchi e i leader aziendali ad adottare un marketing più mirato.